fbpx
skip to Main Content

NEPENTHES MIX

VASO: 8,5

5,90

Valutato 0 su 5
(be the first to review)
Consegna Piante solo su Palermo e vicinato. Abbiamo a cuore la salute delle nostre piante. Per questo consegniamo direttamente noi su Palermo e dintorni, evitando lunghi spostamenti.
Disponibile nei Garden Center:
GITTO GARDEN

Descrizione

Le Nepenthes appartengono, senza dubbio, ad uno dei piu’ affascinanti e suggestivi generi delle piante carnivore.
Note anche per le loro notevoli qualita’ ornamentali, le Nepenthes sono caratterizzate anche dalle esigenze particolari che richiedono nella loro coltivazione. Sono piante originarie delle foreste tropicali asiatiche e di alcune aree del Madascar e dell’ Australia. In natura si presentano sotto moltiplici aspetti a seconda della specie, tutte caratterizzate dal particolare ascidio: ne esistono a forma di becher e di caraffa, di bicchieri per vino dal collo stretto e di flutes da champagne lunghi e sottili. Ve ne sono di piccole dimensioni che paiono lampade spente appese sui tronchi degli alberi.

NEPENTHES come curarsene?

Un fattore molto importante per la coltivazione delle Nepenthes e’ l’umidita’: crescere una Nepenthes in un ambiente secco e ventilato e’ praticamente impossibile. Pertanto bisogna provvedere a fornire un ambiente molto umido e a bassissima ventilazione: questo significa un ambiente con umidita’ relativa possibilmente non inferiore all’ 80% e ad una circolazione d’aria assai ridotta. Per quanto riguarda l’esposizione, le Nepenthes richiedono una buona fonte di illuminazione ma, certamente, non il sole diretto che potrebbe danneggiarne il fogliame.

In natura si idratano esclusivamente con acqua piovana o quella presente nell’atmosfera: per questa ragione sono estremamente sensibili ai sali e a tutti i minerali presenti. Per tutti gli usi dobbiamo evitare quindi di usare quella proveniente dal rubinetto (spesso molto calcarea e trattata con cloro). Scegliamo possibilmente acqua osmotizzata (quella venduta per il ferro da stiro) o derivante da deumidificatori o condizionatori. Possiamo raccogliere anche quella piovana, attendendo però almeno dieci minuti dall’inizio dell’acquazzone: in questa maniera buona parte degli inquinanti presenti nell’aria saranno già stati dilavati. Una buona alternativa è anche quella in bottiglia, a patto che il residuo fisso sia molto basso. Irrighiamo frequentemente, possibilmente dall’alto. In tutte le stagioni controlliamo sempre la temperatura del liquido: deve avvicinarsi il più possibile a quella del terrario. Eviteremo così sbalzi che potrebbero stressare o danneggiare irreparabilmente radici e foglie.

 

DETTAGLI ULTERIORI:
VASO: 8,5
Acqua: 💧💧💧💧

Informazioni aggiuntive

AMBIENTE

INTERNO

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Leave a customer review
Back To Top